Quanto mi sbagliavo…

Devo proprio ammetterlo: mi sbagliavo e di molto!

All’inizio l’idea di un album di Knofpler con Emmylou Harris e di un successivo tour non mi facevano impazzire… E’ sufficiente invece ascoltare alcune tracce del nuovo album “All The Roadrunning” per rendersi conto di quanto l’unione di questi due musicisti sia riuscita a far nascere un disco talmente bello e raffinato che è un vero piacere ascoltarlo e riascoltarlo anche per accostarsi ad una musica che spesso, per giudizi affrettati, ti viene spontaneamente da scartare e considerare lontana dal tuo mondo.

Sicuramente la chitarra, la voce e l’isprazione di Mark (quasi tutte le canzoni sono scritte da lui) rendono il prodotto molto meno “esclusivamente country”, anzi: quella che si ha il privilegio di ascoltare è un’alchimia più particolare, più pregiata e che va oltre una classificazione semplicistica per generi.

Personalmente trovo bellissima la chitarra acustica in “Love And Happiness”, splendida nella musica e nel testo “This is Us” (grande assolo finale di Mark!) e “If This is Goodbye”, molto bello e ‘che spinge’ il riff unito al duetto vocale in “Right Now” e veramente eccezionali “I Dug Up A Diamond” e “Rollin’ On”. Tutte le tracce hanno però un qualcosa che te le fa apprezzare: non avrei mai pensato che questo album mi sarebbe piaciuto tanto!
Bello, bello, bello: non vedo l’ora che arrivi il 3 giugno per poterli ascoltare all’Arena…

Da un’intervista a Knopfler:
“This Is Us” è una canzone che ho scritto dalla parte della gente comune: in questo caso dalla parte della gente comune americana. Perché chiunque (…) capisce che la vita è la vita delle persone comuni: questa canzone è una celebrazione della vita delle persone e dei loro sentimenti d’amore. (…) E’ un album che sottolinea il valore straordinario di una vita ordinaria: un valore che, dopo tragedie come quella dell’11 settembre, è giusto recuperare nelle sue espressioni più semplici e genuine.